notizie top forex

Turchia in vista elezioni: tonfo lira -5%. Delirio Erdogan: si taglino i tassi per far scendere inflazione

Inviato da Laura Naka Antonelli il Gio, 28/03/2019 - 13:43

La Turchia torna protagonista con la lira che, in attesa delle elezioni che si terranno nel paese durante il fine settimana, cede fino a -5% nei confronti del dollaro. Il rapporto dollaro-lira è salito fino a 5,569, rispetto alle 5,33 lire per dollaro della chiusura della sesisone di mercoledì. Dai dati di Reuters, emerge per l'appunto che la flessione, stamattina, è stata del 5% circa. Il tonfo si spiega con i numeri sconfortanti relativi alle riserve internazionali detenute dalla Banca centrale turca: nella settimana terminata il 22 marzo scorso, il valore netto delle riserve è scivolato a 142 miliardi di lire turche (l'equivalente di $24,7 miliardi). L'ammontare indica che nelle prime tre settimane di marzo le riserve sono crollate di quasi 10 miliardi di dollari.

Dopo il crollo del 30% che ha colpito la valuta nel corso del 2018, il 2019 si conferma nuovamente pieno di ostacoli per la moneta. Il sell off è stato scatenato dall'ordine di trattenere liquidità in lire dai mercati swap offshore che il governo ha dato alle banche del paese. Motivo di tale diktat: prevenire un ulteriore calo della valuta, in particolare operazioni di short selling che potrebbero scattare in vista delle elezioni di domenica, che nel paese vengono piuttosto considerate un referendum sulla presidenza di Recep Tayyip Erdogan. Gli analisti del paese, così come anche i sondaggi, prevedono una perdita per il partito AK del presidente turco.

Commentando i numeri disastrosi resi noti dalla Banca centrale turca Timothy Ash, strategist senior dei mercati emergenti presso BlueBay Asset Management ed esperto di Turchia, ha scritto in una nota riportata dalla Cnbc che i dati lasciano pensare all'arrivo di un intervento del Fondo Monetario Internazionale. "Dopo le elezioni, potrebbe essere richiesta una missione dell'Fmi", si legge nella nota.

Non aiuta i mercati e la lira la rabbia del presidente Erdogan, che ha attaccato le banche turche, accusandole di "giocare con la lira". Economisti attoniti per le sue dichiarazioni, che invitano la Banca centrale del paese a tagliare (e non ad alzare) i tassi di interesse per combattere l'inflazione. In un discorso proferito ad Ankara, Erdogan ha spiegato inoltre la volatilità della valuta con gli attacchi da parte Usa e del mondo occidentale, e ha affermato che la Turchia deve "imporre una disciplina agli speculatori del mercato".