notizie top forex

Trump manda al tappeto il Peso messicano con tweet

Inviato da Daniela La Cava il Ven, 31/05/2019 - 10:37

 


Con un tweet il presidente americano, Donald Trump, manda al tappeto il peso messicano che si porta al minimo degli ultimi tre mesi. Mentre è ancora in atto la guerra commerciale con la Cina, a sorpresa Trump minaccia dazi anche al Messico, come arma per ridurre l’afflusso di migranti dall’America centrale. Sui mercati si è accesa la spia 'risk-off', e per il mercato forex prosegue il deprezzamento della valuta del Paese del Centro America che perde terreno nei confronti del dollaro: ora il cambio dollaro/perso messicano scambia a 19,65 (+2,71%).


Nel suo tweet, il presidente americano ha annunciato che, a partire dal prossimo 10 giugno, imporrà dazi doganali del 5% su tutti i prodotti che gli Stati Uniti importano dal Messico. I dazi verranno imposti sui beni messicani, aggiunge Trump nel suo tweet, fino a quando il problema dei flussi degli immigrati clandestini in arrivo negli Usa non saranno fermati. I dazi diventano insomma un'arma contro l'immigrazione. Il presidente americano ha minacciato inoltre di alzare le tariffe fino al 25% entro il mese di ottobre se il problema dell'immigrazione clandestina non sarà stato risolto. "Questo annuncio a sorpresa, che si presenta in seguito al recente accordo commerciale USMCA, è stato del tutto inaspettato e potrebbe far stravolgere l'intero accordo", sottolinea Michael Hewson, chief market analyst di Cmc Markets UK.


Intanto oggi, ricordano gli strategist di Mps Capital Services, il ministro degli esteri messicano andrà a Washington per provare a intavolare una trattativa, "ma la decisione ha intaccato il già fragile umore degli operatori per via della diatriba con la Cina, portando ad un marcato deprezzamento del peso messicano e vendite sull’azionario".