notizie

Pil in contrazione, Salvini come Di Maio: 'risultato di vecchie manovre basate su tagli e austerità'

Inviato da Laura Naka Antonelli il Ven, 30/11/2018 - 16:05

"Il Pil negativo è il risultato delle vecchie manovre basate su tagli e austerità. Nel 2019, con la nostra manovra fondata su più lavoro e meno tasse, l'Italia tornerà a crescere". Parola del vicepremier leghista e ministro dell'Interno Matteo Salvini, che commenta il dato Istat relativo al Pil, allineandosi alla stessa posizione del vicepremier pentastellato e ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio.

Da segnalare che l'economia italiana si è contratta nel terzo trimestre del 2018, soffrendo un calo dello 0,1% rispetto al trimestre precedente. È la prima contrazione dal secondo trimestre del 2014.

Così aveva commentato il dato Di Maio: "L'ultima manovra di Gentiloni era una manovra insipida che non aiutava nessuno".

Ma, ha aggiunto, se "la manovra Gentiloni non ha fatto ripartire l'economia nel 2018, nel 2019 l'economia ripartirà perché stiamo iniettando risorse fresche".

"La nostra manovra espansiva da 37 miliardi di euro - ha rassicurato Di Maio- ricordo che inizierà ad avere effetto dall'anno prossimo, dal primo gennaio 2019".