notizie top forex

Svezia: Riksbank non tocca i tassi, ma potrebbe aver lanciato un assist alla corona

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 13/02/2019 - 15:33

Sul mercato forex si osservano da vicino i movimenti della corona svedese dopo le indicazioni che sono arrivate dal meeting della Riksbank. La valuta si sta apprezzando nei confronti dell'euro, con il cross euro/corona svedese che lascia sul terreno lo 0,7% in area 10,413. Al termine della due giorni d'incontri la banca centrale del paese scandinavo ha confermato la sua politica monetaria, con i tassi di interesse che restano in territorio negativo a quota -0,25 per cento. Una decisione in linea con le attese del mercato.


La Riksbank ha posto l'accento sul fatto che le condizioni economiche globali e in Svezia stanno rallentando, ma restano nel complesso ancora solide. Le condizioni per mantenere l'inflazione vicino al target del 2% nei prossimi anni sono rimaste sostanzialmente immutate. Nessuna novità sulle tempistiche relative alla revisione dei tassi. "Come indicato a dicembre, la previsione per il tasso repo indica che il prossimo aumento avverrà durante la seconda metà del 2019, a condizione che le prospettive economiche e quelle relative all'inflazione siano in linea le aspettative".


"Dalla Riksbank non sono arrivati grandi novità - sottolineano da Ing -. Ma la dichiarazione di oggi è probabilmente con toni più da falco del previsto". Sebbene abbia riconosciuto una maggiore incertezza sulla crescita globale e le condizioni interne, i policymakers continuano a vedere una forte attività economica. E semmai, il linguaggio sulle prospettive di inflazione è diventato più sicuro, con la Riksbank sempre più certa che l'inflazione si stabilizzerà attorno all'obiettivo del 2%". Secondo gli esperti della banca olandese, forse uno degli aspetti più 'rilevanti' dell'annuncio della banca centrale svedese è racchiuso "nell'assenza del consueto riferimento per evitare un eccessivo apprezzamento della corona svedese, e la decisione di non rinnovare il mandato per l'intervento sul forex".


Per Ing si tratta "di un cambiamento potenzialmente significativo nella posizione della Riksbank sulla corona". Per diversi anni policymakers hanno mostrato molta preoccupazione per l'apprezzamento della corona che avrebbe minato i progressi nel riportare l'inflazione verso il target fissato. Nell'ultimo anno circa, ricordano da Ing, questa preoccupazione è apparsa sempre meno rilevante, dal momento che la corona si è deprezzata di circa il 10% dalla metà del 2017.


 

tags