notizie top forex

Sterlina debole, rialzo tassi della Boe ad agosto in dubbio dopo dato inflazione

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 18/07/2018 - 16:15

Sul mercato forex la sterlina rimane sotto pressione nei confronti dell'euro e del dollaro. In particolare, la valuta britannica si mantiene a fatica sopra la soglia di 1,30 contro il dollaro (GBP/USD a 1,3047, -0,50%), sui minimi a 10 mesi. Sull'andamento della sterlina impattano le indicazioni deboli arrivate stamattina dall'inflazione che rendono meno probabile una stretta sui tassi di interesse durante la riunione di inizio agosto della Bank of England (Boe).


Nel mese di giugno, stando ai dati diffusi dall'Office for National Statistics, l’inflazione britannica si è confermata al 2,4% annuo, mentre gli analisti avevano stimato un aumento a +2,6%. Un dato, quello relativo ai prezzi al consumo, che arriva dopo i dati sul mercato del lavoro. In Gran Bretagna l'occupazione ha raggiunto un livello record nei tre mesi fino a maggio e le pressioni salariali hanno mostrato pochi segni di riduzione, mantenendo la Banca d'Inghilterra sulla buona strada per un aumento dei tassi d'interesse il mese prossimo. Il numero di persone occupate è aumentato di 137.000 unità, più del previsto, portando il tasso di occupazione al 75,7%, il più alto dall'inizio dei record nel 1971. Secondo i dati resi noti dall’Ufficio di statistica nazionale la disoccupazione nel toccato un livello minino in 43 anni, al 4,2 per cento. Di fronte a queste indicazioni contrastanti per l'economia britannica, la decisione della Banca d'Inghilterra sui tassi di interesse del 2 agosto sarà ancora più difficile, anche alla luce delle tensioni politiche sulla Brexit.


La questione Brexit resta sul tavolo. Settimana scorsa hanno tenuto banco le dimissioni dei due ministri, David Davis e Boris Johnson, che hanno messo in difficoltà la premier, Theresa May, che per il momento sembra voler proseguire con il progetto di una “Soft Brexit”. "La situazione politica interna dovrebbe continuare a rendere piuttosto volatile l’andamento della sterlina", affermano gli strategist di Mps Capital Services che consigliano, guardando ai prossimi mesi di "sfruttare le temporanee fasi di debolezza della sterlina in vista di un apprezzamento per fine anno/inizio del 2019 quando vi sarà probabilmente più chiarezza sul tema Brexit".