Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

Nella notte europea sono in arrivo i numeri giapponesi su tasso di disoccupazione, inflazione, produzione industriale e nuovi cantieri edili. Nel corso della prima parte sarà invece la volta dei dati preliminari relativi l’andamento dei prezzi al consumo in Italia e Francia, visti in rialzo rispettivamente dello 0,1 e dello 0,8 per cento.

Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

Nel corso della mattina dai vari Land tedeschi arriveranno i numeri relativi l’inflazione e alle 14 è prevista la pubblicazione del dato completo (in versione preliminare). Sempre per quanto riguarda la prima economia europea, focus sull’andamento della disoccupazione, mentre dal Regno Unito sono in arrivo gli aggiornamenti su crescita economica e bilancia delle partite correnti. Nella seconda parte in arrivo i numeri statunitensi su spese e redditi (consenso +0,2 e +0,4 per cento), nuove richieste di sussidio (231 mila) e PCE core (+0,2%).

Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

L’appuntamento più importante della mattina è rappresentato dall’asta di titoli a 10 anni indetta dal Tesoro italiano mentre nel pomeriggio spazio ai dati statunitensi su crescita economica (vista dal 2,5 al 2,7  per cento), scorte all’ingrosso (preliminare) e compromessi immobiliari.

Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

Oggi è il giorno delle indicazioni europee su offerta di moneta M3 e prestiti al settore privato, stimati rispettivamente in aumento del 4,6% (stabile) e del 3% annuo (dal 2,9%). Nel corso della seconda parte dagli Stati Uniti arriveranno i numeri su prezzi delle abitazioni, fiducia dei consumatori e indice manifatturiero di Richmond.

Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

L’ottava inizia con le indicazioni relative l’andamento dei prezzi delle importazioni in Germania, con il Pil francese e con l’aggiornamento sulla bilancia commerciale extra-Eu del nostro Paese. Dagli Stati Uniti, dove sono in calendario gli interventi di Dudley e Mester della Fed, arriveranno gli indici relativi l’attività economica nei distretti di Chicago e Dallas.

Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

Numerose le indicazioni relative lo stato di salute dell’economia statunitense che arriveranno nella settimana che inizierà il prossimo 26 marzo. Lunedì l’appuntamento è con gli interventi di Dudley e Mester della Fed, martedì focus sulla fiducia dei consumatori e mercoledì riflettori puntati sul dato rivisto relativo l’andamento del Pil. Giovedì sarà la volta di spese e redditi, nuove richieste di sussidio, indice dei prezzi PCE, PMI Chicago e sentiment dei consumatori misurato dall’Università del Michigan.

Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

Numerose le indicazioni relative lo stato di salute dell’economia statunitense che arriveranno nella settimana che inizierà il prossimo 26 marzo. Lunedì l’appuntamento è con gli interventi di Dudley e Mester della Fed, martedì focus sulla fiducia dei consumatori e mercoledì riflettori puntati sul dato rivisto relativo l’andamento del Pil. Giovedì sarà la volta di spese e redditi, nuove richieste di sussidio, indice dei prezzi PCE, PMI Chicago e sentiment dei consumatori misurato dall’Università del Michigan.

Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

Dopo il meeting di ieri, oggi è il giorno della pubblicazione del resoconto trimestrale della Bank of England. Nella seconda parte attenzione al dato canadese che misura l’andamento dei prezzi al consumo e a quello statunitense sugli ordini di beni durevoli. Chiude la settimana l’aggiornamento sulle vendite di case nuove negli Stati Uniti.

Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

Il day-after la Fed, è la volta della Bank of England. L’istituto guidato da Mark Carney dovrebbe confermare i tassi ma, al tempo stesso, fornire importanti indicazioni su una possibile stretta nel meeting in calendario a maggio. Per quanto riguarda gli altri dati, attenzione al mercato del lavoro australiano e agli indici PMI, quelli che misurano il sentiment dei direttori degli acquisti, di Giappone, Zona Euro e Stati uniti. Sempre per quanto riguarda la prima economia, focus anche sui prezzi delle abitazioni, sulle nuove richieste di sussidio e sul superindice.

Ritratto di Luca Fiore

Commento di giornata

Oggi è in calendario l’appuntamento più importante della settimana, il meeting della Federal Reserve. Gli operatori, con una probabilità che sfiora il 95%, si attendono un nuovo incremento del costo del denaro, il primo dell’era Powell. L’ottimo stato di salute dell’economia statunitense, in cui il fiore all’occhiello è rappresentato dal mercato del lavoro, spingerà la prima banca centrale del pianeta ad innalzare di 25 punti base il costo del denaro all’1,5-1,75%. In questo momento l’unico dubbio è rappresentato da quante altre strette, 3 o 4, saranno varate nel corso del 2018.

Pagine