notizie top forex

Lira turca esposta a nuove tensioni

Inviato da Fabrizio Guidoni il Lun, 16/04/2018 - 13:18

Dopo la forte ritirata della scorsa settimana, la lira turca apre la nuova settimana cercando di difendersi dal rischio di una nuova accelerazione del dollaro che ha portato questa mattina il cambio USD/TRY a rivedere per alcuni minuti quota 4,11 per poi riposizionarsi ora in area 4,0950. La debolezza è evidente anche sul cambio EUR/TRY che dopo la fiammata negli scorsi giorni fino a 5,1944, oggi si sta muovendo ancora sopra quota 5, scambiando ora intorno 5,0602 ma sfiorando questa mattina la soglia 5,07.


Lo scenario debole di fondo del cross sembra ancora essere in qualche modo legato alla turbolenza dei mercati russi. Come infatti sottolineano gli analisti di Banca del Piemonte "la Turchia ricopre una posizione meno chiaramente schierata nello scenario siriano ma risulta evidente il suo lento processo di avvicinamento a Putin, se non altro nel comune desiderio di voler ricoprire (insieme all’Iran) un ruolo chiave nella regione e di ridurre il potere di influenza americano sull’area". Tra i fatti che sottolineano questo andamento viene ricordata dagli esperti anche la notizia che Istanbul stia acquistando missili S-400 di ultima generazione dalla Russia con un'operazione dal valore di 2 miliardi di dollari.


L'ANALISI TECNICA


Dal punto di vista tecnico sia il cambio USD/TRY sia l'EUR/TRY sono inseriti nel nuovo trend rialzista di breve periodo partito nella prima metà di marzo, che altro non è che un'estensione del trend rialzista che domina in un'ottica di lungo periodo dai minimi del 2015. Questo ultimo impulso rialzista ha visto il dollaro passare da 3,85 fino a ridosso di 4,20 lire turche mentre l'euro è schizzato da area 4,70 a oltre 5 lire turche. La correzione vista nelle ultime due sedute di settimana scorsa sembrano essere giustificate dal punto di vista tecnico dalla necessità di scaricare l'ipercomprato raggiunto con la recente fiammata di aprile. Se questa ipotesi fosse confermata dalla tenuta dei supporti a 5 per l'euro, sarà probabile una nuova accelerazione con resistenza i recente massimi (4,1950, 5,1944) che in caso di nuovo attacco potrebbero essere anche superati.