notizie

Fed sfida Trump, minute: per Fomc necessari altri rialzi tassi

Inviato da Laura Naka Antonelli il Gio, 18/10/2018 - 07:38

Rese note le minute relative all'ultimo meeting del Fomc - il braccio di politica monetaria della Federal Reserve - dello scorso 26 settembre, quando i tassi di interesse Usa sono stati alzati per la terza volta, quest'anno, al range compreso tra il 2% e il 2,25%.

Nei verbali si legge che "l'approccio graduale bilancia il rischio di procedere in modo troppo veloce o troppo lento (nel percorso di normalizzazione dei tassi)".

"Alcuni funzionari della Fed hanno parlato -inoltre - della necessità di alzare i tassi oltre il livello di lungo-termine".

Dai verbali emerge l'intenzione dunque di procedere nella strada delle strette monetarie, nonostante le continue critiche arrivate negli ultimi giorni dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

"Quasi tutti i membri del (Fomc) hanno considerato appropriato rimuovere i riferimenti, (nel comunicato post decisione tassi), a una politica monetaria accomodante, facendo notare che le stime su un tasso neutrale sono solo un fattore tra quelli che condizioneranno le decisioni sui tassi".

"Il rialzo dei tassi di più lungo termine - hanno aggiunto - ha reso l'inversione della curva meno probabile".

Quasi tutti gli esponenti del Fomc hanno inoltre detto di intravedere "pochi cambiamenti nell'outlook sull'economia".