notizie top forex

Crisi Argentina: dopo soli tre mesi si dimette banchiere centrale Caputo, sell off sul peso

Inviato da Laura Naka Antonelli il Mar, 25/09/2018 - 17:40

Peso argentino tramortito da nuovi sell off, dopo l'annuncio delle dimissioni a sorpresa del numero uno della Banca centrale dell'Argentina, Luis Caputo.


Caputo si è dimesso nella giornata di oggi per motivi personali, stando a quanto si legge nel comunicato della banca.  L'annuncio arriva proprio nel momento in cui l'Argentina di Mauricio Macri continua a trattare con il Fondo Monetario Internazionale per ricevere ulteriori finanziamenti, in base all'accordo di bailout che è stato siglato lo scorso giugno.


Luis Caputo, in precedenza ministro delle Finanze, era stato nominato banchiere centrale dell'Argentina soltanto lo scorso giugno. Alla notizia delle sue dimissioni, il peso argentino è crollato del 4,65% in apertura, scivolando a 39,15 per dollaro e confermando il trend ribassista che lo ha accompagnato da inizio anno, e che finora si è tradotto in un tonfo del 50%.



 


Tra l'altro il peso, oltre a scontare l'addio di Caputo - che è il secondo banchiere centrale a essersi dimesso quest'anno -paga anche le indiscrezioni sui negoziati con l'Fmi, secondo cui i $50 miliardi di fondi concordati non sarebbero sufficienti a risollevare le sorti del paese, e che ad essi dovrebbero aggiungersi almeno altri finanziamenti, per un ammontare di $3-$5 miliardi.


Nel comunicato dell'istituzione si legge che "queste dimessioni sono dovute a motivi personali" e che la banca centrale è "convinta che un nuovo accordo con il Fondo monetario Internazionale ripristinerà la fiducia nella situazione fiscale, finanziaria, monetaria e del tasso di cambio".


Luis Caputo è un ex trader di Citigroup e di Deutsche Bank: nel bel mezzo della crisi, ha alzato i tassi di interesse fino al 60%, nonostante le previsioni di una recessione che sta di fatto colpendo il paese, e ha anche venduto le riserve estere al fine di stabilizzare il peso. Missione, tuttavia, fallita, anche se c'è da dire che nelle ultime sessioni il peso aveva comunque recuperato terreno, dopo che la banca centrale aveva venduto riserve estere per un valore di 250 milioni di dollari proprio per sostenere la valuta, che a gennaio era scambiata a quota 18 sul dollaro.


La notizia delle dimissioni di Caputo scatena anche il sell off sui bond, con i tassi sui titoli governativi a 10 anni che segnano un forte balzo dopo l'annuncio.