notizie top forex

Commodity currency: giù dollaro neozelandese su possibile taglio tassi

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 27/03/2019 - 09:36

Tra le commodity currency, seduta all'insegna delle vendite per il dollaro neozelandese dopo le indicazioni che sono arrivate ieri dalla riunione della Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) che ha confermato i tassi, ma ha aperto la strada a un possibile taglio in uno scenario che vede l'outlook economico globale debole. Il dollaro neozelandese cede oltre l’1,6% contro il dollaro statunitense e ora il cambio USD/NZD scambia in area 1,4714.


Rispettando le attese degli analisti la banca centrale del Paese ha lasciato i tassi invariati all’1,75%. Nel comunicato stampa l'istituto guidato dal governatore Orr ha sottolineato "la debolezza dell'outlook economico globale e del ridotto slancio della spesa interna", e ha aggiunto che "l'occupazione è vicina al massimo livello sostenibile ma l'inflazione rimane al di sotto del target, rendendo necessario proseguire con gli stimoli monetari". La Reserve Bank of New Zealand ha intenzione di garantire una politica monetaria espansiva per un periodo di tempo considerevole.


Anche gli analisti di Intesa Sanpaolo soffermati sulle parole del governatore Orr che ha dichiarato che, visto il clima globale di rallentamento economico e la domanda interna fiacca con un’inflazione ancora sotto il 2%, la prossima mossa della RBNZ potrebbe verosimilmente essere un taglio del tasso di riferimento, nonostante il livello attuale sia ai minimi storici. "In precedenza, l’indicazione era neutra - avvertono da Intesa Sanpaolo -. Il mercato ha già iniziato a prezzare un taglio nella riunione di maggio".


E il dollaro australiano?
Debolezza anche per il dollaro australiano, con il cross AUD/USD che cede quasi lo 0,6% e scivola sotto quota 0,71. "La Reserve Bank of Australia ha dato segnali simili nel suo incontro all'inizio di questo mese, suggerendo che la prossima mossa sarà probabilmente un taglio dei tassi a causa delle crescenti prove del rallentamento economico", sottolinea stamattina Margaret Yang, analista di mercato di Cmc Markets Singapore.